Dott. Antonio Tori | Patologia Linfatica
71
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-71,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Patologia Linfatica

 

Con il termine Linfedema si intende una malattia cronica causata da un’insufficienza meccanica del sistema linfatico che determina stasi linfatica e produzione di un edema ad alto contenuto di proteine nell’interstizio.
Il Linfedema può interessare tutti i distretti dell’organismo pur essendo particolarmente incidente al livello degli arti superiori ed inferiori.

In base alla patogenesi distinguiamo:

1) LINFEDEMA PRIMARIO o IDIOPATICO
Le forme primarie sono dovute ad anomalie congenite del sistema linfatico e possono essere di varia natura (morfologiche e funzionali).
Il Linfedema può presentarsi al momento della nascita (connatale) o in qualsiasi altro momento della vita (precoce e tardivo).

 

2) LINFEDEMA SECONDARIO
Deriva da situazioni patologiche quali ostruzione intrinseca od estrinseca dei vasi linfatici, danno alle vie linfatiche (traumi, interventi chirurgici, radioterapia), disuso (paraplegici, emiplegici, anziani allettati), associato a problematiche vascolari (ipertensione venosa, insufficienza venosa).
Ogni paziente che abbia subito un intervento di rimozione di linfonodi o che sia stato trattato con radioterapia, può andare incontro ad un linfedema.

Normalmente, intercorre un certo periodo di tempo fra l’evento che danneggia il sistema linfatico e la comparsa dei sintomi clinici relativi al Linfedema stesso.
Prima che il questi divenga clinicamente manifesto il paziente può presentare alcuni sintomi quali “pesantezza”, dolore e “tensione cutanea” a livello degli arti.

Se non trattato, il Linfedema ha uno sviluppo progressivo. Se lasciati stagnare, i fluidi linfatici possono causare alterazioni della struttura della cute generando infossamenti e fibrosi i quali rappresentano potenziali foci di infezione.
Se non trattati, i pazienti con Linfedema possono sviluppare cellulite e linfangite.

Il Gold Standard terapeutico del Linfedema a livello internazionale è costituito dalla Fisioterapia Complessa Decongestionante (FDC), che comprende il Drenaggio Linfatico Manuale e la terapia elastocompressiva attraverso Bendaggi Multistrato. La FDC si effettua in due fasi: una prima fase di decongestione con l’obiettivo di recuperare il normale volume dell’arto; questa fase va protratta per un periodo medio di 25 giorni. Una seconda fase di mantenimento ed ottimizzazione attraverso l’uso di tutori o calze elastiche, cura della cute e Drenaggio Linfatico Manuale secondo protocolli individuali.