Dott. Antonio Tori | Patologia Carotidea
70
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-70,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Patologia Carotidea

 

Le carotidi, come tutte le altre arterie del nostro corpo, possono essere colpite dalla malattia aterosclerotica e andare incontro a stenosi che si formano per il deposito di materiale costituito da colesterolo, lipidi, calcio,… che può distaccarsi, embolizzare e chiudere le piccole arterie.
Le carotidi interne portano il sangue agli emisferi cerebrali.
Una loro occlusione, la presenza al loro interno del materiale che blocca il flusso circolatorio e che frammentandosi può dar luogo a episodi di ischemia sono situazioni che vanno prevenute e curate con estrema attenzione.
Una stenosi che supera un valore del 65/70% è una stenosi che può produrre, con facilità, un episodio ischemico cerebrale.

Attraverso un corretto studio Ecocolordoppler (esame gold standard per questa patologia) siamo in grado di stabilire la presenza o meno di malattia ateromasica e, in basee alla sua gravità possiamo/dobbiamo intervenire.
Anche in questo caso ci sono due opzioni terapeutiche:
La metodica “open” (TEA: Trombo arterectomia).

Oppure la Tecnica Endovascolare (Angioplastica + Stent).

Come per la terapia degli aneurismi la scelta della soluzione terapeutica spetta al chirurgo che offrirà quella più sicura e utile per il paziente.