Dott. Antonio Tori | Patologia Aneurismatica
59
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-59,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_push_text_top,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Patologia Aneurismatica

 

Qualunque arteria del corpo umano può andare incontro ad una dilatazione che, col tempo, si trasforma in un Aneurisma.
L’ arteria più colpita è l‘aorta addominale sottorenale. Quando un’arteria s’ingrossa, va incontro alla rottura;
questa possibilità diventa sempre più concreta quando le dimensioni raggiungono il doppio del diametro dell’arteria
Esempio: l‘aorta addominale misura in media 2,5 cm di diametro, una dilatazione di 5,0 cm diventa pericolosa e va trattata.

Due sono i metodi:
La chirurgia “open” (apertura dell‘addome e sostituzione dell‘aorta ammalata con una Protesi).

L‘E.V.A.R., chirurgia endovascolare che introducendo materiale di rivestimento interno (Endoprotesi), va a proteggere il vaso ingrossato.

La tecnica non la sceglie il paziente, bensì il chirurgo che adatta a ciascuno la miglior soluzione terapeutica.